Ama, rispetta, aiuta

L’estate si trascina verso la fine ed il clima dondola tra caldo e fresco.

Mi ritrovo sola in una nuvola di pensieri.

Fluttuo stretta nella mia felpa, con le mani in grembo ed il cappuccio sollevato.

Oggi fa freddo.

Sono ferma in silenzio a pensare, rimuginare.

Perché le persone feriscono altre persone?

Mi sembra così semplice, rispettare chiunque.

Mi sembra normale come respirare, mi sembra essenziale.

Non riesco a ferire qualcuno consapevolmente.

Non riesco a puntare il dito e dire cattiverie.

Perché mi hanno insegnato ad amare.

Mi hanno insegnato ad aprire il cuore e mettermi nei panni del prossimo,

mi hanno insegnato a porgere una mano a chi ne ha bisogno.

Mi hanno insegnato che ciò che dai, prima o poi ti tornerà indietro.

Nel bene, o nel male.

Non mi permetterei mai di giudicare senza conoscere.

Non mi permetterei mai di insultare o insinuare qualcosa di negativo.

Non ho bisogno di tirare giù qualcuno per arrivare in cima.

Non ho bisogno di fare del male, per sentirmi bene.

Questo freddo settembrino è così strano… però non mi dispiace.

Allora questo flusso di pensieri mi culla e mi riscalda.

Anche se penso alla cattiveria degli altri,

anche se penso ai torti che ho subito,

sono felice perché so di fare la differenza.

So di essere una dei pochi,

so di essere quella che dona il proprio tempo

per ascoltare, per consolare, per aiutare.

Sono meglio di chi parla senza conoscere,

sono meglio di chi si sfoga per sentirsi meglio

ma poi – in fondo in fondo – meglio non si sente mai.

Alcuni dicono di provare a capire.

Alcuni dicono di provare ad aiutare

perché chi fa soffrire, probabilmente soffre.

Ma mi chiedo: ne vale la pena?

Ne vale davvero la pena,

subire così tanto e stare così male

per provare ad aiutare qualcuno?

Io non ci sto.

Io aiuto chi subisce,

e non chi ferisce.

Io aiuto chi ha un disperato bisogno di comprensione,

e non chi si sfoga con la cattiveria, con l’umiliazione.

Non credo a queste sciocchezze.

Chi fa del male,

non può aspettarsi del bene.

Ora il clima sta cambiando,

il sole è tornato al suo tepore estivo

ed allora mi sfilo questa gigantesca felpa.

Come cambia la mia apparenza in così poco,

uguale fa il mio umore:

bastano poche parole

per rovinare un sorriso.

Non è meglio condividerlo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...